Tu sei qui

Maker Faire 2019

Contenuto in: 
Tags: 

Si rinnova anche quest'anno il consueto appuntamento al Maker Faire dell'ISISS “Matese” con l'innovazione tecnologica e le invenzioni dei "Makers" alla nuova Fiera di Roma.

Per il quarto anno consecutivo l'istituto di Piedimonte Matese è presente, in veste di visitatore, alla mostra dell’ avanguardia tecnologica nel campo della informatica, dell'elettronica, della robotica e delle tematiche ambientali.

L'evento nazionale, in atto dal 18 al 20 ottobre, è atteso con entusiasmo da allievi e docenti di tutte le scuole d'Italia, di ogni ordine e grado, per la sua ampia proposta di novità nei più vari settori e per il forte stimolo alla didattica innovativa.

Alla “fiera delle invenzioni degli artigiani digitali” nella tre giorni romana, con i suoi 100.000 mq di stand e i suoi 700 progetti presentati nei 7 padiglioni impegnati, erano presenti oltre 100.000 visitatori, con un crescendo di consensi registrati di anno in anno.

Dal “Robocup”, campionato di calcetto tra minirobot nell’ambito del più ampio tema “SportTech” ove sport e tecnologia si fondono, alla realizzazione dell’automa per la separazione automatica delle tipologie di rifiuti, passando per la MakeArt e la celebrazione della missione Apollo nel cui stand si è potuto ammirare un campione di roccia lunare reso disponibile dalla NASA per l’occasione. Ampio spazio, naturalmente, anche per le idee a tema sostenibilità e inquinamento.

La cosa più sorprendente è come un braccio robotico potesse scrivere al pari di un umano” osserva Luigi, un alunno dell’ISISS “Matese”, di ritorno a casa con senso di soddisfazione e nostalgia. Gli fa eco Martina: “Ho ammirato molte innovazioni dalle più classiche a quelle più assurde” e Gianvittorio: “Abbiamo visitato 7 padiglioni immensi”. E la fantasia di Giulia:  “È un evento che unisce scienza, fantascienza, tecnologia, divertimento e business dando vita a qualcosa di completamente nuovo: una magica alchimia” e Piera: “Esperienza ineguagliabile al di fuori dei banchi scolastici” e “..che lascia senza parole” per Akashveer, “conoscere in modo divertente” replica Katia e “...divertimento ma anche business poiché c'erano molte startup” guarda avanti Luigi.

La parola chiave dell’evento è #inventare, mettere alla prova le conoscenze e le competenze acquisite con lo studio di materie come informatica, elettronica, sistemi informatici ed elettronici, automazione,progettazione di sistemi informatici ed elettronici e,col supporto della tecnologia,realizzare idee che magari si sono lasciate nel cassetto per tanto tempo in attesa della possibilità tecnica che il futuro avrebbe concesso, in antitesi col sempre più dilagante #chiavi in mano che spegne la nobile creatività relegando al ruolo di semplici assemblatori di pezzi.

L'esperienza al Maker faire ha regalato ai nostri studenti una nuova consapevolezza: la percezione di avere intrapreso un percorso scolastico dalle ampie prospettive e dalle enormi potenzialità come del resto ha evidenziato anche il ministro Fioramontii paragonando il coding al latino con l'evidente intenzione di far comprendere che i processi di programmazione allenano la mente e mettono in atto processi mentali imprescindibili in un mondo sempre più smart.

Video Youtube

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.  (Adattato da Pietro Sivo)
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.

CMS Drupal ver.7.50 del 07/07/2016 agg.26/08/2016